LogoSimi Sezione Toscana Umbria  
Scuola SIMI Ecografia Bedside, Firenze             
LogoUnifi

 

Giornate Elbane di Ecocardiografia Clinica di Base
9-11 Settembre 2015, Ospedale di Portoferraio, Isola d’Elba

Direttori Corso
Giorgio Galanti, Maria Boddi, Pietro Amedeo Modesti, Plinio Fabiani

 

Premessa

L’ecocardiografia transtoracica (TTE) è ormai diventata uno strumento diagnostico indispensabile per un primo approccio nel sospetto di tutte patologie cardiache per la semplicità di esecuzione e la ripetibilità dell’esame e non ultimo anche per il costo.

L’ecocardiografia trans toracica è entrata oggi nel bagaglio delle conoscenze ultrasonografiche dei medici internistici che sempre più implementano l’inquadramento clinico diagnostico con valutazioni ultrasonografiche addominali, vascolari e, appunto, cardiache. In caso di rilievo all’ascoltazione di soffi cardiaci l’ecocardiogramma permette non solo di distinguere fra soffi non patologici o patologici ma di definire il tipo e la gravità della valvulopatia, permettendo di valutarne l’evoluzione fino alla decisione di invio al cardiochirurgo.

L’ecocadiografia inoltre è elemento di valutazione essenziale per la diagnosi delle cardiopatie congenite nell’adulto, e di tutte le cardiopatie acquisite che sostengono la comparsa di ridotta tolleranza allo sforzo e dispnea,  sintomi che rappresentano uno se non il principale motivo di richiesta di valutazione medica (ipertensiva, ipertrofica, dilatativa, infiltrativa, post-chemioterapica, displasia aritmogena del V dx e il quadro emergente del miocardio non compatto). L’esecuzione di un ecocardiogramma in urgenza è poi “obbligatorio” in casi di dolore toracico per distinguere fra dolori aspecifici non cariogeni e ischemia miocardica,dissecazione aortica e pericarditi e selezionare quali soggetti inviare ad esami di secondo livello quali test provocativi o valutazione coronarografica.

L’uso di tecniche ecocardiografiche di secondo livello come l’ecocardiografia trans esofagea (TTE), che permette di studiare “in diretta” parti anatomiche del cuore ( come l’auricola per ex) non perfettamente visualizzabili all’esame TTE o di valutare con una maggiore risoluzione la funzionalità di valvole e protesi valvolari e l’ecocardiogramma associato all’ECG durante sforzo ( ecostress-fisico o farmacologico) che integra e corregge la specificità dell’ECG durante sforzo, è propria degli specialisti cardiologi. Ugualmente nuove applicazioni dell’ecocardiografia (TDI, Strain, torsion ) possono arricchire la ricerca, ma anche migliorare la diagnostica differenziale di alcune cardiopatie.

È infine sempre più evidente l’utilità di una valutazione ecocardiografica integrata alla valutazione dell’asse vascolare venoso cavale per una migliore definizione della volemia e dell’equilibrio emodinamico nell’inquadramento della dispnea e alla misurazione dei marker precoci di aterosclerosi (ABI e IMT) nella misurazione del burden aterosclerotico globale.

Scopo del Corso

Queste le premesse cliniche, ma condizione necessaria perché un eco cardiogramma possa rispondere ai quesiti diagnostici che si incontrano nella pratica quotidiana è che venga eseguita con rigoroso approccio metodologico e che la valutazione sia sintetizzata in risposte semi-quantitative standardizzate secondo schemi condivisi che rendano l’esame ripetibile anche da operatori diversi.

Perché questo avvenga l’esame deve essere effettuato con criteri rigorosi che possono essere acquisiti con metodo e sapienza.

La metodologia di acquisizione delle immagini e delle proiezioni è necessario bagaglio della conoscenza teorica e pratica nell’applicazione della diagnostica ultrasonografica all’apparato cardiovascolare.

Il Corso quindi sarà dedicato a:

Basi dell’ecocardiografia

Modalità Esame normale –metodologia di esecuzione

Metodologia di descrizione dei dati morfologici e strumentali

Proiezioni ottimali ecocardiografiche nelle patologie più comuni

Metodologia di esecuzione

Metodologia di descrizione dei dati morfologici e strumentali

Valutazione vasi cuore correlata

a) la vena cava inferiore
b) intimal media thickness
c) ankle brachial index
d) metodologia di esecuzione e descrizione dati

Il Corso sarà riservato a 25 Specializzandi o Giovani Specialisti in Medicina Generale, Medicina Interna, Oncologia, Medicina d’Urgenza e Medicina dello Sport, Soci Ordinari SIMI in regola con il pagamento della quota sociale 2015.

Partecipazione e costi

La partecipazione è gratuita (inviare entro il 25 luglio richiesta a cristina.unitulli@eve-lab.it). La Segreteria Organizzativa Eve-Lab comunicherà l’avvenuta iscrizione e le modalità di pagamento dell’albergo.

Sono a carico dei partecipanti le spese di viaggio e di soggiorno (camera singola/prima colazione €70 a notte, camera doppia/prima colazione € 90 a notte).

Programma

9 settembre: ore 14.00 arrivo partecipanti. Ore 15.00-19.00 Presentazione del Corso e Lezioni
10 settembre: ore 9.00-13.00 Lezioni. Ore 13.00-14.00 Pausa. Ore 14.00-19.00 Lezioni
11 settembre: ore 9.00-13.00 Lezioni. Ore 13.30 Chiusura del Corso

Segreteria Organizzativa: Eve-Lab,  Viale dei Mille 137 – 50126 Firenze, web http://eve-lab.com/