Scegli la Sezione

Calabria

 

6 marzo 2018

Catanzaro

VI Seminario di Medicina Interna
Broncopatia cronica ostruttiva
Campus Universitario S. Venuta
Germaneto – Aula G1, livello 0 Edificio Preclinico Corpo G

Scarica il programma

A cura del Presidente e del Segretario-Tesoriere della Sezione

15 settembre 2017

Feroleto Antico (CZ)

La Gestione della NIV in Medicina Interna

Negli ultimi anni la Ventilazione meccanica non invasiva (NIV) ha visto una più ampia diffusione, passando dalle terapie intensive ai reparti di Medicina e Geriatria fino al domicilio, anche grazie all’evoluzione tecnologica che ha prodotto ventilatori sempre più semplici da utilizzare per gli operatori e sempre più confortevoli per il paziente. Tuttavia è vero, come ritengono molti autori, che il fattore più importante di successo è rappresentato dall’adeguato addestramento tecnico del personale, infatti la NIV ha specifiche caratteristiche e peculiarità che, se ignorate, porteranno al fallimento. Pertanto scopo di questo corso è quello di guidare il medico non esperto a un approccio razionale al paziente candidato a NIV, in quanto la maggiore diffusione di questa metodica può contribuire a salvare molte vite umane.

Obiettivi formativi

Il corso si propone di:

  1. rinforzare le conoscenze teoriche sulla fisiopatologia respiratoria per meglio inquadrare  patogenesi, diagnosi e trattamento dell’insufficienza respiratoria acuta;
  2. conseguire conoscenze pratiche sul corretto utilizzo dell’emogasanalisi, della O2 terapia e della NIV, anche attraverso esercitazioni strumentali.

Scarica il programma GestioneNIV_SIMI_Calabria.pdf

Iscrizioni (saranno accettate le prime 30) inviando mail di conferma a info@innovaformez.it

 


 

Catanzaro

7-8 aprile 2017

Nel Congresso della Sezione sarà data particolare rilevanza alle patologie cronico-degenerative. La strutturazione cercherà di evidenziare l’importanza della fisiopatologia e della clinica che devono essere anteposte ai freddi stereotipi delle linee guida, ma allo stesso tempo darà risalto alla ricerca e alle evidenze cliniche emergenti soprattutto per gli aspetti diagnostico-terapeutici, elementi fondamentali per la formazione completa in ambito sanitario. In particolare, i vari interventi sottolineeranno l’importanza del ragionamento e della metodologia clinica, dell’approccio olistico durante l’intero percorso di gestione del paziente, andando a rimarcare l’importanza e la stretta necessità di una continuità assistenziale tra ospedale e territorio. Sarà evidenziata l’importanza della “transitional care” nuova sfida per l’internista, non solamente per le malattie rare, ma per tutte quelle patologie croniche che compaiono in età pediatrico-adolescenziale e che, grazie all’aumento della sopravvivenza, diventano una problematica del soggetto adulto; condizioni complesse  che solo l’internista con la sua visione olistica può affrontare mettendo al centro del problema non la malattia, ma l’individuo e cercando di strutturare dei percorsi clinico-assistenziali efficaci.

Il Presidente
Angela Sciacqua

Scarica il programma


A cura del Presidente e del Segretario-Tesoriere della Sezione

I° Corso teorico-pratico sui test di funzionalità polmonare

Napoli 23 gennaio 2014

Aula Grande della Clinica Medica Policlinico Federico II

Nato dalla collaborazione tra la Sezione SIMI Campania e il GIS Campano, ha visto la partecipazione di numerosi giovani internisti e non solo.

Il Corso si è posto come obiettivo lo studio della funzionalità respiratoria attraverso un percorso che parte dalla fisiopatologia respiratoria, attraverso lo studio delle principali tecniche diagnostiche esistenti e della loro interpretazione in diversi contesti clinico-patologici, verso la valutazione pratica con ausili tecnologici della spirometria, per terminare con alcuni casi clinici esemplificativi delle principali patologie polmonari.

Tale percorso è stato tracciato al fine di rendere più semplice e affrontabile per l’i nternista l’interpretazione e l’esecuzione dei principali test di funzionalità respiratoria, spirometria e test del cammino dei 6 minuti, che dovrebbero entrare a far parte della consueta pratica clinica per la valutazione del paziente con patologia polmonare, come l’ECG lo è per il paziente con patologia cardiaca.

Domenico Sirico, Referente GIS Campania

Programma:
9.00- 9.30 Presentazione del corso (A. Tufano, G. Lucivero, A. Marra)
9.30-10.00 Fisiopatologia respiratoria (M. Mormile)
10.00-10.30 Valutazione della funzione respiratoria (M. Mormile, F. Palladino)
10.30-11.00 Coffee break
11.00-11.45 Guida pratica all’utilizzo dei test funzionali: 6MWT e Spirometro (A. Ferraro)
11.45-12.15 Interpretazione di casi patologici (D. Sirico, D. Pinto)
12.15-13.00 Discussione e chiusura dei lavori

 

Convegno regionale SIMI Campania

Napoli 26 gennaio 2013
Aula Grande della Clinica Medica Policlinico Federico II

L’Internista alle prese con i tests immunologici. Corso intensivo per la corretta interpretazione dei tests di immunoreattività

Il corso, programmato allo scopo di imparare a interpretare e prescrivere correttamente i tests di auto-immunità, ha avuto una spiccata impronta applicativa ed è stato rivolto ai clinici ed ai giovani in formazione. Il corso è stato suddiviso in 2 sessioni:

L’AUTOIMMUNITÀ SISTEMICA

  • L’autoimmunità sistemica: le malattie autoimmunitarie, Generoso Uomo (Napoli)
  • L’autoimmunità sistemica: nuove frontiere nella diagnostica di laboratorio, Loredana Postiglione (Napoli)
  • Interpretazione delle indagini di immunoreattività nella pratica clinica, Rosario Peluso (Napoli) ( Scarica il pdf )
  • Approcci terapeutici innovativi nelle malattie autoimmunitarie, Amato De Paulis (Napoli)

L’AUTOIMMUNITÀ D’ORGANO

  • L’autoimmunità d’organo: malattie autoimmuni del tubo digerente, Fabiana Castiglione (Napoli)
  • L’autoimmunità d’organo: poliendocrinopatie autoimmuni, Antonio Bizzarro (Napoli)

Campania

 

13 luglio

Napoli

Congresso Regionale

Come ogni anno si toccheranno tematiche di interesse trasversali e attuali in medicina.

Si darà spazio alla discussione sull’ultima fase della vita dove l’internista è centrale nella gestione clinica e nella comunicazione. Affronteremo l’argomento non solo per gli aspetti clinici ma anche da un punto di vista etico che può stimolare la sensibilità di tutti i partecipanti.

Si avrà un aggiornamento sull’inquadramento diagnostico delle anemie con particolare attenzione alle anemie sideropeniche. Inquadramento e gestione terapeutica delle SEU, con proposta di PDTA e tematica di grande interesse per il medico clinico.

Malattie rare: up date sul morbo di Gaucher inquadramento e trattamento della Emoglobinuria Parossistica Notturna (EPN).

Si discuterà̀ della gestione di patologie sempre più complesse e dei nuovi approcci terapeutici, dalle innovazioni nello scompenso cardiaco e il tema della polifarmacoterapia nel paziente complesso. La sessione coordinata dai giovani sarà incentrata sulla gestione di casi clinici con ecobedside, ed inquadramento di casi clinici rari: utilità della ecoscopia nel reperimento di accessi venosi periferici e centrali rivolta a Medici ed Infermieri; tema del sovraffollamento nei reparti di Medicina e di Emergenza-Urgenza.

ll Congresso è rivolto ai medici specialisti in Medicina Interna, Medicina di Urgenza, Cardiologia, Medicina di medicina generale, Gastroenterologia, Geriatria, Diabetologia, Malattie Infettive, Pneumologia, Scienze dell’Alimentazione, Endocrinologia, Neurologia nonché agli specializzandi delle suddette branche e laureati in Scienze infermieristiche.

L’evento si prefigge l’obiettivo di contribuire a migliorare sia le conoscenze che le competenze professionali nella gestione ed assistenza alle persone con patologie di interesse internistico.

 

Scarica il programma

 


 

6 luglio

Napoli

Corso di Ecoscopia Bedside: “Il fonendoscopio ad ultrasuoni”

Scarica il programma

Scarica la scheda di iscrizione

 

ll Congresso Regionale del 23 giugno affronterà argomenti attuali tra i quali: il transitional care, ossia il passaggio dalla gestione della età pediatrica all’età adulta di patologie complesse quali il diabete mellito giovanile valutando la gestione e gli orizzonti diagnostico terapeutici;  la  gestione delle urgenze cardiorespiratorie, tossicologiche e allergologiche.

Lo spazio GIS, Giovani Internisti SIMI, sarà occasione di confronto sulla gestione di casi clinici con ecobedside ed inquadramento di casi clinici rari; dispnea; medicina di genere e fine vita.

Il Presidente
Rodolfo Nasti

Scarica il programma


A cura del Presidente e del Segretario-Tesoriere della Sezione

I° Corso teorico-pratico sui test di funzionalità polmonare

Napoli 23 gennaio 2014

Aula Grande della Clinica Medica Policlinico Federico II

Nato dalla collaborazione tra la Sezione SIMI Campania e il GIS Campano, ha visto la partecipazione di numerosi giovani internisti e non solo.

Il Corso si è posto come obiettivo lo studio della funzionalità respiratoria attraverso un percorso che parte dalla fisiopatologia respiratoria, attraverso lo studio delle principali tecniche diagnostiche esistenti e della loro interpretazione in diversi contesti clinico-patologici, verso la valutazione pratica con ausili tecnologici della spirometria, per terminare con alcuni casi clinici esemplificativi delle principali patologie polmonari.

Tale percorso è stato tracciato al fine di rendere più semplice e affrontabile per l’i nternista l’interpretazione e l’esecuzione dei principali test di funzionalità respiratoria, spirometria e test del cammino dei 6 minuti, che dovrebbero entrare a far parte della consueta pratica clinica per la valutazione del paziente con patologia polmonare, come l’ECG lo è per il paziente con patologia cardiaca.

Domenico Sirico, Referente GIS Campania

Programma:
9.00- 9.30 Presentazione del corso (A. Tufano, G. Lucivero, A. Marra)
9.30-10.00 Fisiopatologia respiratoria (M. Mormile)
10.00-10.30 Valutazione della funzione respiratoria (M. Mormile, F. Palladino)
10.30-11.00 Coffee break
11.00-11.45 Guida pratica all’utilizzo dei test funzionali: 6MWT e Spirometro (A. Ferraro)
11.45-12.15 Interpretazione di casi patologici (D. Sirico, D. Pinto)
12.15-13.00 Discussione e chiusura dei lavori

 

Convegno regionale SIMI Campania

Napoli 26 gennaio 2013
Aula Grande della Clinica Medica Policlinico Federico II

L’Internista alle prese con i tests immunologici. Corso intensivo per la corretta interpretazione dei tests di immunoreattività

Il corso, programmato allo scopo di imparare a interpretare e prescrivere correttamente i tests di auto-immunità, ha avuto una spiccata impronta applicativa ed è stato rivolto ai clinici ed ai giovani in formazione. Il corso è stato suddiviso in 2 sessioni:

L’AUTOIMMUNITÀ SISTEMICA

  • L’autoimmunità sistemica: le malattie autoimmunitarie, Generoso Uomo (Napoli)
  • L’autoimmunità sistemica: nuove frontiere nella diagnostica di laboratorio, Loredana Postiglione (Napoli)
  • Interpretazione delle indagini di immunoreattività nella pratica clinica, Rosario Peluso (Napoli) ( Scarica il pdf )
  • Approcci terapeutici innovativi nelle malattie autoimmunitarie, Amato De Paulis (Napoli)

L’AUTOIMMUNITÀ D’ORGANO

  • L’autoimmunità d’organo: malattie autoimmuni del tubo digerente, Fabiana Castiglione (Napoli)
  • L’autoimmunità d’organo: poliendocrinopatie autoimmuni, Antonio Bizzarro (Napoli)

Emilia Romagna - Marche

 

26 maggio

Ancona

Medical Challenge

Scarica il programma



9 aprile 2018

 

Congresso

La Medicina Interna rappresenta la branca specialistica che, in rapporto alle modificazioni epidemiologiche realizzatesi con l’invecchiamento della popolazione, è stata negli ultimi anni in continua evoluzione, con notevoli progressi e innovazioni sia in campo diagnostico-terapeutico che organizzativo. E’ a tutti noto che le principali sindromi e malattie di competenza della Medicina Interna dovrebbero giovarsi delle terapie più appropriate attraverso un approccio multidisciplinare, giustificato dalla sempre maggiore presenza di patologie variamente associate nei pazienti medici. Assume pertanto un ruolo sempre più rilevante la figura dell’internista come “Hospitalist” come guida ed orientamento, per la scelta più appropriata dei percorsi di diagnosi, cura e follow-up, suggerite dai vari specialisti partecipi ai gruppi multidisciplinari.

Non è un caso, quindi, che il titolo del convegno organizzato quest’anno dalla Sezione Interregionale dell’Emilia Romagna Marche sia “Point of Care in Medicina Interna” e che nel corso della giornata vengano

affrontati temi di estrema attualità ed interesse. Saranno discusse alcune delle più recenti Linee Guida diagnostico-terapeutiche e le novità sullo scompenso cardiaco (carenza di ferro, le relazioni fra acido urico e malattie cardiovascolari), i nuovi farmaci di associazione nel trattamento dell’ipertensione arteriosa, l’uso appropriato degli anticoagulanti e la trombosi venosa profonda. Altri argomenti di particolare rilevanza

riguarderanno la scelta oculata degli antibiotici in relazione alla sepsi, la comorbilità in Medicina Interna, l’ipogonadismo maschile, la NAFLD e l’epatocarcinoma, la terapia medica o chirurgica della diverticolite acuta, la stipsi e la malnutrizione, le fibrosi cutanee. Saranno anche illustrati i nuovi campi di applicazione dell’angiosonografia clinica, secondo i recenti LEA del Ministero della Salute, e la m. di Gaucher, in relazione alla maggiore attenzione e sensibilizzazione sulle malattie rare.

Doveroso segnalare l’elevato valore scientifico e didattico dei relatori, Cattedratici delle Scuole di Medicina Interna e Direttori delle Scuole di Specializzazione delle Regioni Emilia Romagna e Marche, figure apicali, sia

del mondo universitario che ospedaliero ed esperti di livello internazionale nei vari settori della Medicina Interna. Infine, certamente non ultimo, il fondamentale contributo dei Giovani della Società (GIS SIMI), specializzandi e non, che con i loro contributi innovativi di ricerca, sotto forma di comunicazioni da loro stessi moderate, rappresentano l’entusiasmo, l’innovazione e la forza emergente della nostra società scientifica.

Il Presidente

Vincenzo Arienti

Scarica il programma https://www.progettomeeting.it/point-of-care-in-medicina-interna-xxxix-convegno-sezione-emilia-romagna-marche-societa-italiana-di-medicina-interna-2/

La partecipazione è gratuita e aperta a tutti, ma è indispensabile la registrazione al link https://www.progettomeeting.it/point-of-care-in-medicina-interna-xxxix-convegno-sezione-emilia-romagna-marche-societa-italiana-di-medicina-interna/

Presentazioni dei relatori:
(clicca su ciascuna presentazione per scaricarla)



Newsletter Numero 2 – Marzo 2018

scarica il pdf

 

NewsLetter Numero 1 – ottobre 2017
scarica il pdf


Ancona

27 aprile 2017

A nome del Consiglio Direttivo della Sezione Interregionale Emilia Romagna-Marche della SIMI, sono lieto di presentarvi il programma del XXXVIII Convegno “Esperienze Cliniche in Medicina Interna”.

Il convegno si inserisce nella tradizione degli incontri tra le Scuole di Medicina Interna delle Regioni Emilia Romagna e Marche ed il programma dei lavori scientifici si articolerà, come di consueto, su una sola giornata e comprenderà letture, comunicazioni, tavole rotonde.

In particolare, l’edizione di quest’anno prevede workshop sul diabete nato tutto dal lavoro dei giovani del gruppo GIS (Giovani Internisti SIMI) in collaborazione con i giovani della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale), nel segno della collaborazione tra ospedale e territorio.

La complessità della Medicina Interna si riflette nel ricco programma che affronta argomenti trasversali a più discipline e a più specializzazioni, dalla cardiologia alla immunologia clinica e alla diabetologia. I principali temi sono infatti quelli dell’inquadramento clinico di affezioni, oggi sempre più spesso identificate in Medicina Interna, come la immunodeficienza comune variabile, l’ipertensione polmonare primitiva o in corso di connettivite, sino alle nuove modalità del trattamento dello scompenso cardiaco, l’impiego dei nuovi anticoagulanti o dei farmaci glicosurici. Una lettura è interamente dedicata alla Ecografia bedside, punto di forza della Scuola SIMI di Ecografia.

Una parte importante del programma sarà dedicata alla presentazione di Comunicazioni Orali. Saranno privilegiati dalla Commissione selezionatrice i Casi Clinici, corredati dalla relativa revisione della letteratura, che maggiormente permettano un proficuo aggiornamento e scambio di opinioni nei confronti di presentazione di dati sperimentali.

Il Presidente
Vincenzo Arienti

Scarica il programma e la scheda di iscrizione

Presentazioni dei relatori:
(clicca su ciascuna presentazione per scaricarla)

Lazio-Molise

 

20 ottobre

Roma

Un T.O.T. per respiro

La complessità del nostro sistema sanitario favorisce la variabilità nell’organizzazione e nell’ erogazione delle cure con una scarsa integrazione dei servizi generando scarsi livelli di appropriatezza e sostenibilità.

Il nostro modello storico di cura si basa sulle “funzioni” (i.e. specialità), che operativamente si localizzano per competenze e budget in una specifica “struttura” (UO/Dipartimenti) alla quale si attribuisce la responsabilità clinica ed organizzativa dello specifico momento clinico che  mancano spesso di integrazione con il territorio.

È necessario migliorare l’operatività e l’integrazione delle risorse sanitarie grazie alla definizione di

obiettivi singoli e comuni, ruoli e competenze di ciascun operatore, tempi ed ambiti di intervento.

Ciò è particolarmente necessario per la gestione delle patologie croniche tra cui la BPCO che rappresenta oggi un crescente problema di ordine sociale e sanitario collocandosi ai primi posti tra queste con un costante incremento in termini di prevalenza, di costi economici e sociali.

Da un’attenta analisi dei costi in tale ambito emerge un forte sbilanciamento nella gestione della BPCO in Italia verso la fase di acuzie, intraospedaliera, piuttosto che verso azioni preventive e curative della fase stabile della malattia.

Studi prospettici dimostrano la possibilità di incidere in maniera significativa sul costo globale della malattia con una terapia appropriata e continuativa, farmacologica e non.

La sottodiagnosi e l’under-treatment contrastano fortemente con le nozioni acquisite negli ultimi anni riguardo alla possibilità delle terapie farmacologiche stabili, oggi disponibili, di interferire con la progressione della malattia in termini di funzione ma anche di qualità di vita e nella riduzione dell’incidenza di riacutizzazioni.

Pertanto diviene di primaria importanza promuovere e mantenere le migliori condizioni di salute possibili del malato con BPCO mediante:

  • la promozione di interventi e comportamenti Individuali e collettivi a valenza preventiva:
    corretti stili di vita, buona alimentazione, attività fisica costante, lotta al fumo, vaccinazioni, sorveglianza negli ambienti di lavoro, trattamento precoce delle riacutizzazioni;
  • l’incremento del numero di diagnosi precoci corrette e stadiazione di Bronco Pneumopatia Cronico Ostruttiva;
  • trattamento personalizzato del paziente affetto da B.P.C.O. in modo conforme allo stadio di gravità.

È, inoltre, importante educare, formare e sensibilizzare il paziente e/o il suo caregiver alla patologia in modo da facilitare il percorso diagnostico, quello terapeutico e la gestione delle risorse disponibili.

Scarica il programma

Provider: Società Italiana di Medicina Interna

Segreteria Organizzativa: SIMI Educational

Si prega di confermare la propria iscrizione scarica la scheda alla Segreteria Organizzativa SIMI Educational all’indirizzo simieducational@simi.it o via fax al n. 06.44.34.04.74 oppure online http://www.simi.it/totrespiro/



22 giugno 2018

Corso Formativo Interattivo Sezione SIMI Lazio Molise

Prescrizione e monitoraggio dei farmaci anticoagulanti orali diretti in pazienti affetti da fibrillazione atriale

Responsabile scientifico

Daniele Pastori

Provider: Società Italiana di Medicina Interna

Scarica il programma


13 ottobre 2018

Grottaferrata (Roma)

II Giornata di Medicina Internai ai Castelli Romani

Responsabili scientifici

Maurizio Muscaritoli, Emilio Scotti

Provider: Società Italiana di Medicina Interna

Scarica il programma

Si prega di confermare la propria iscrizione scarica la scheda alla Segreteria Organizzativa SIMI Educational all’indirizzo simieducational@simi.it o via fax al n. 06.44.34.04.74 oppure online www.simi.it/medicinainternacastelli


6-7 aprile 2018

Roma

Congresso Regionale

Il XII Congresso si propone di fornire un aggiornamento medico di elevato standard qualitativo su argomenti propri della medicina Interna e nelle specialità mediche. Gli argomenti che saranno trattati riguardano: la ventilazione non invasiva, la gestione complessa del malato oncologico, la diagnostica ed il trattamento delle anemie, l’arteriopatia obliterante degli arti inferiori e la sindrome cardio renale. Sono inoltre previste letture su: polmonite e malattie cardiovascolari, TBC, diabete mellito di tipo II e nuovi approcci diagnostici e terapeutici nelle MICI. Particolare rilievo verrà dato alle malattie rare come le malattie da accumulo lisosomiale nell’adulto e la febbre di origine sconosciuta.

Scarica il programma

Iscrizioni entro il 30 marzo:
Online sul sito www.simi.it/schedalaziomolise/
In alternativa scarica la scheda LazioMoliseIscrizione2018.pdf

 


 

Policlinico News

L’internista, medico per eccellenza

http://www.policliniconews.it/schede-15631-l_internista_medico_per_eccellenza

Un ‘T.O.T.’ per respiro: paziente seguito meglio, risorse ottimizzate

http://www.policliniconews.it/schede-15635-un_t_o_t_per_respiro_paziente_seguito_meglio_risorse_ottimizzate


11 novembre 2017

Grottaferrata (Roma)

Incontro di Medicina Interna ai Castelli Romani

Scarica il programma

 

Si prega di confermare la propria iscrizione scarica la scheda alla Segreteria Organizzativa SIMI Educational all’indirizzo simieducational@simi.it o via fax al n. 06.44.34.04.74 oppure online www.simi.it/medicinainternacastelli

Le U.O. di Medicina Interna dimettono in Italia circa 1.500.000 di pazienti per anno e ricoverano il 27% dei pazienti che dal Pronto Soccorso vengono ricoverati nei reparti ospedalieri. L’83% della casistica delle U.O. di Medicina Interna è costituito da pazienti ricoverati in urgenza. Si tratta di pazienti polipatologici acuti complessi dal punto di vista clinico/assistenziale e gestionale. Di questi circa il 27% sono critici instabili o a rischio di instabilità e necessitano di aree ad alta intensità per il monitoraggio continuo dei parametri vitali, pur senza necessità di manovre invasive. Il DRG più frequente per numerosità è costituito da scompenso

cardiaco/insufficienza respiratoria, mentre il diabete mellito di tipo 2 è una condizione patologica che costituisce il principale fattore di rischio di malattie cardiovascolari ed ha un’ altissima prevalenza nella popolazione dei pazienti ricoverati nei reparti di Medicina Interna.

L’Incontro di Medicina Interna ai Castelli Romani nasce dalla volontà di realizzare un evento di formazione scientifica nell’area dei Castelli Romani caratterizzata da una vasta popolazione in cui sono presenti numerose malattie sistemiche di interesse internistico. L’incontro  si propone di approfondire  le principali tematiche riguardanti: 1) lo scompenso cardiaco, analizzandone i meccanismi fisiopatologici  ed i riflessi sui nuovi approcci terapeutici; 2) l’insufficienza respiratoria,  facendo il punto sulle indicazioni all’uso dell’ossigenoterapia; 3) il diabete mellito, altamente presente nei  pazienti ricoverati in Medicina Interna e in cui le risorse terapeutiche si sono particolarmente arricchite consentendo diverse combinazioni  sempre più personalizzate. Abbiamo inoltre voluto affrontare il tema del paziente polipatologico nei vari momenti della sua storia clinica dalla fase acuta di instabilità a quella di criticità alla fase della dimissione e della gestione integrata della cronicità sul territorio.

 

I Responsabili Scientifici

Francesco Malci, Emilio Scotti


 

6 ottobre 2017

Roma

Gestione integrata della BPCO in Medicina Interna

Scarica il programma

Iscrizioni

L’iscrizione al Corso è gratuita e riservata a 25 partecipanti.
Si prega confermare la propria iscrizione (scarica la scheda) alla Segreteria Organizzativa SIMI Educational all’indirizzo simieducational@simi.it o per fax al n. 0644340474.

La Bronco-Pneumopatia Cronica Ostruttiva (BPCO) è riconosciuta come una delle patologie più comuni e preoccupanti tanto da occupare i primi posti per tassi di incidenza, mortalità, disabilità e spesa sanitaria.

È caratterizzata da una persistente limitazione al flusso aereo, che è solitamente evolutiva e associata ad una aumentata risposta infiammatoria cronica delle vie aeree e del polmone a particelle nocive o gas. Le riacutizzazioni e la presenza di comorbidità contribuiscono alla gravità complessiva nei singoli pazienti.

La diagnosi clinica di BPCO dovrebbe essere presa in considerazione in tutti i pazienti che presentano dispnea, tosse cronica o espettorazione e/o una storia di esposizione ai fattori di rischio per la malattia. In questo contesto clinico per la diagnosi è richiesta la spirometria. La presenza di un rapporto VEMS/CFV <0.70 post-broncodilatatore conferma la presenza di una ostruzione bronchiale persistente e quindi di BPCO2-3.

Attualmente la BPCO è la quarta causa di mortalità nel mondo, la quinta causa di disabilità e negli USA riguarda oltre 16 milioni di persone con stime effettuate dalla GOLD, Global Initiative for Lung Obstructive Desease, che la proiettano nel 2020 al terzo posto per mortalità globale.

L’allarmante proiezione futura riguardo mortalità e disabilità globale è parallela ad un incalzante aumento di costi sulla spesa sanitaria che i singoli sistemi sanitari saranno costretti a fronteggiare.

L’impatto in termini di prevalenza si traduce infatti con tassi intorno al 20-25% della popolazione generale e in presenza di fattori di rischio specifici tende ad aumentare considerevolmente.

La patogenesi della BPCO è multifattoriale e prevede come fattori di rischio la predisposizione individuale, un assetto genetico prono all’evoluzione del danno parenchimale polmonare, l’inquinamento ambientale, tuttavia il principale permane senza dubbio il fumo di sigaretta.

Il fumo rappresenta ancora il denominatore comune della stragrande maggioranza dei pazienti ed è responsabile dell’innesco di vie biochimiche infiammatorie che una volta accese diventano fumo-indipendenti perpetuando la cronicità della malattia. Dati recenti evidenziano un aumento dell’abitudine al fumo di sigaretta tra le donne. Questo dato potrebbe influenzare i futuri quadri di morbilità per BPCO4.

Attualmente la conoscenza sempre più avanzata del peso specifico dei singoli fattori di rischio ha permesso di migliorare il management clinico e terapeutico così da garantire una sempre migliore qualità di vita e un rallentamento della progressione di malattia.

Nelle fasi end-stage di malattia la terapia è massimizzata con l’aggiunta di O2 liquido a lungo termine che si è dimostrato farmaco fondamentale tanto da aumentare sensibilmente la durata (in media di 48 mesi) e la qualità di vita del malato respiratorio. Il tasso di riacutizzazioni rappresenta un fedele indicatore di severità di malattia dal momento che è descritta diretta linearità tra numero elevato di riacutizzazioni e declino della performance cardio-respiratoria.

Obiettivo del Corso è duplice:

Obiettivo di salute promuovendo il mantenimento delle migliori condizioni di salute possibili del malato con BPCO attraverso la promozione di interventi individuali e collettivi a valenza preventiva : lotta al fumo, vaccinazioni, sorveglianza degli ambienti di lavoro,trattamento precoce delle riacutizzazioni, ossigenoterapia e educazione sanitaria; incrementando il numero di diagnosi precoci e corrette con il trattamento del paziente affetto da BPCO in modo conforme allo stadio di gravità e utilizzando una adeguata personalizzazione della terapia nella fase cronica e nelle riacutizzazioni

Obiettivo organizzativo attraverso interventi di educazione, formazione e sensibilizzazione degli operatori sanitari ed alla condivisione di percorsi che hanno al centro il paziente adeguatamente edotto al mantenimento dello stato di salute (il paziente partecipa attivamente nella gestione della sua patologia).

Una precoce diagnosi, una corretta stadiazione ed un conseguente corretto trattamento potrebbero incidere favorevolmente sul decorso della malattia, nel prevenire o ritardare la comparsa di insufficienza respiratoria e conseguentemente nel migliorare la qualità della vita.


 

20 settembre 2017

Roma

Opzioni attuali e future nel controllo glicemico in Medicina Interna

Scarica il programma DiabeteSIMI2017.pdf

Iscrizioni (saranno accettate le prime 50):

Online http://www.simi.it/diabete-iscrizione/

In alternativa scarica la scheda DiabeteSIMI2017SchedaIscrizione.pdf

L’iperglicemia e il diabete sono indicatori di prognosi negativa in qualunque setting assistenziale, ma le  evidenze scientifiche da ormai quindici anni dimostrano che la sua gestione ottimale migliora l’outcome dei pazienti, riduce la mortalità e i costi.

Nei pazienti ospedalizzati il paziente diabetico al ricovero è un paziente critico: è quindi necessario gestire l’iperglicemia con schemi di trattamento insulinico intensivo validati e condivisi, semplici e sicuri. In effetti in ospedale il diabete costituisce una realtà trasversale a tutti i reparti: è presente infatti in almeno un paziente su quattro nei reparti di degenza e in un paziente su due/tre in terapia intensiva. Ciò implica un’adeguata preparazione e collaborazione tra i diversi responsabili della gestione dell’assistenza (in primis operatori medici e infermieri), una giusta allocazione delle risorse e l’individuazione di un modello gestionale capace di garantire alla persona con diabete ricoverata in ospedale la sicurezza e l’appropriatezza degli interventi terapeutici e la continuità del percorso assistenziale al fine di ridurre i costi delle degenze. In tal senso la gestione ottimale del paziente diabetico in ospedale richiede una formazione continua che interessi tutti gli operatori sanitari coinvolti per migliorare la loro conoscenza sulle modalità di gestione, trattamento e cura delle persone con diabete. Per garantire la sicurezza e l’appropriatezza degli interventi terapeutici, la continuità del percorso assistenziale e per ridurre i costi delle degenze è indispensabile che fin dall’inizio siano attivati percorsi assistenziali condivisi, definiti a livello locale e approvati e sostenuti a livello aziendale. In tal senso un gruppo di lavoro che, attraverso corsi che coinvolgano tutto il personale Medico ed Infermieristico delle strutture ospedaliere, ha lo scopo di implementare protocolli condivisi di trattamento, in accordo con le linee guida nazionali all’interno delle singole strutture ospedaliere.

Obiettivo di questo corso è la condivisione di un modello di gestione e di percorso assistenziale nella trattamento del diabete mellito tra operatori medici e infermieri afferenti alla branche Specialistiche di Medicina Interna, Diabetologia, Endocrinologia, Nefrologia, Pneumologia, Gastroenterologia, Oncologia e Chirurgia.

Obiettivi specifici del corso

  • Conoscere i Profili di cura ed in particolare le attività assistenziali e cliniche necessarie aduna corretta presa in carico e gestione del paziente iperglicemico e diabetico
  • Evidenziare criticità e vantaggi dei percorsi assistenziali proposti.
  • Discutere la possibilità di applicazione locale e le attività da intraprendere per facilitane la condivisione.

 

12 maggio 2017

Roma

Arteriopatia obliterante cronica degli arti inferiori. Dalla placca all’ischemia critica

Il corso è rivolto ai Soci della Società Italiana di Medicina Interna della sezione Lazio-Molise. Il fine del Corso è quello di divulgare ed approfondire le tematiche vascolari periferiche che sono estremamente diffuse nei Reparti di Medicina Interna.

Francesco Malci
Presidente

Angelo Santoliquido
Responsabile Scientifico

Scarica il programma

Presentazioni dei relatori
(clicca su ciascuna presentazione per scaricarla) 


 

31 marzo-1 aprile 2017

Roma

Congresso Regionale

Ho il piacere di annunciare, insieme a tutto il  Consiglio Direttivo e al GIS,  l’appuntamento  a Roma   all’XI Congresso della Sezione Lazio Molise della SIMI per il 31 marzo e 1 aprile del 2017.

Appuntamento che ogni anno suscita interesse e rappresenta un atteso ed importante momento  di formazione, di riflessione e confronto  sui  temi più attuali della Medicina Interna.

Il programma, anche quest’anno, prevede la partecipazione del GIS  e  il confronto con altre società scientifiche. In particolare verranno trattati temi con evidenza del  ruolo del  clinico Internista nella  gestione della cronicità, multimorbilità e complessità clinica che rappresentano gli elementi caratterizzanti dell’attuale epidemiologia.

Francesco Malci
Presidente

Scarica il programma

Scarica le immagini

Presentazioni dei relatori
(clicca su ciascuna presentazione per scaricarla) 

 


 

3 febbraio 2017

Roma

La sepsi. Dal caso clinico alle linee guida

La sepsi costituisce uno dei principali problemi dei sistemi sanitari del mondo occidentale. I dati attualmente disponibili confermano come circa la metà dei pazienti affetti da sepsi provenienti dai dipartimenti di emergenza vengano ricoverati in ambienti non intensivi.

Obiettivo del corso è fornire ai partecipanti gli strumenti pratici per la gestione della sepsi nei reparti di Medicina Interna in tutte le fasi del management clinico, dalla diagnosi alla terapia con uno spiccato approccio pratico e interattivo.

Il Presidente
Francesco Malci

I Referenti GIS
Francesca Serena Pignataro, Vincenzo Zaccone

Scarica il programma

Scarica le presentazioni

 

13 dicembre 2016

Roma

Opzioni attuali e future nel controllo glicemico in Medicina Interna

Obiettivi specifici del corso

  • Conoscere i Profili di cura ed in particolare le attività assistenziali e cliniche necessarie ad una corretta presa in carico e gestione del paziente iperglicemico e diabetico
  • Evidenziare criticità e vantaggi dei percorsi assistenziali proposti
  • Discutere la possibilità di applicazione locale e le attività da intraprendere per facilitane la condivisione

Scarica il programma

Presentazioni dei relatori
(clicca su ciascuna presentazione per scaricarla)


 

X Congresso  della Sezione

6 e 7 maggio

Si è tenuto a Roma, presso l’Auditorium della I Clinica Medica del Policlinico Umberto I,  il 6 e 7 maggio 2016, il X Congresso  della Sezione che ha visto la partecipazione di oltre 170 iscritti.

Sono stati trattati argomenti d’interesse clinico e scientifico quali: lo scompenso cardiaco, il tromboembolismo venoso dagli aspetti della prevenzione, della diagnosi e della terapia della fase acuta e della gestione a lungo termine, le novità sulle demenze e della gestione dell’alimentazione in questa particolare condizione clinica.

Particolare interesse ha suscitato il confronto sul tema della complessità in Medicina Interna affrontato con  il contributo dell’internista, infermiere e MMG.

Sono stati interessanti gli approfondimenti su ipertensione resistente, novità terapeutiche sulle dislipidemie e su NAFLD/NASH.

Contributo importante è venuto dai giovani internisti con il simposio GIS sulla sepsi conclusosi con l’assegnazione dei quattro premi ai migliori casi clinici presentati dai Giovani Internisti SIMI.

Scarica il programma in formato pdf

PROGRAMMA
(Clicca sul titolo delle relazioni per scaricare le slide)

6 maggio 2016

Lettura

La Fisiopatologia dello scompenso cardiaco – F. Perticone


Simposio SIMI – SIMG

Scompenso Cardiaco

Valutazione clinica, laboratoristica e strumentale dello scompenso cardiaco acuto – G. Busi

Novità terapeutiche nello scompenso cardiaco – G. Campolongo

Terapia riabilitativa nello scompenso cardiaco – A.P. Caparra

Diagnosi e terapia dello scompenso cardiaco: competenze e responsabilità del MMG nel PDTA della Regione Lazio – M. Mazzilli

 

Simposio

Tromboembolismo venoso: nuove strategie terapeutiche


Il rischio e la profilassi del tromboembolismo venoso in medicina interna – R. Miconi

Ecografia bedside e trombosi venosa profonda e terapia della fase acuta – L. Loffredo

Terapia a lungo termine della trombosi venosa profonda e embolia polmonare – A. Santoliquido

 

Lettura

Ipertensione arteriosa resistente – C. Letizia
 

7 maggio 2016

 

Lettura

La lipasi acida lisosomiale svolge un ruolo nella NAFLD/NASH? – F. Angelico

Simposio

La complessità clinica in Medicina Interna e le relative problematiche

Concetto di complessità ed epidemiologia delle patologie croniche e della loro combinazione – P. Battisti

Metodologia di approccio alla complessità e revisione critica dei modelli assistenziali – G. Realdi

“La complessità”: analisi dell’evoluzione dell’organizzazione sanitaria e dell’assistenza infermieristica – A. Delli Poggi

Dimissioni difficili in medicina interna e setting assistenziali post acuzie: integrazione ospedale territorio – P. Trecca

 

Lettura

Terapia ipocolesterolemizzante: linee guida e nuovi approcci terapeutici. Il ruolo degli inibitori della PCSK9 – M. Arca

 

Simposio

Focus sulle demenze


La malattia di Alzheimer: ieri oggi e domani – E. Ettorre

Le demenze vascolari stanno cambiando verso? – P. Cicconetti

Calo ponderale e nutrizione nella demenza: la nutrizione artificiale tra etica e necessità – M. Muscaritoli

 

Lettura  

Infezioni da MDR: aspetti clinico epidemiologici e prospettive di terapia – M. Venditti

 

Simposio GIS (Giovani Internisti SIMI)

Know the Sepsis: la Sepsi in Medicina Interna

 

La Sepsi in Medicina Interna: dimensioni del problema e criticità – A. Tosoni

La Sepsi in Medicina Interna: verso la definizione di un protocollo diagnostico – G. Onelli, G. Talerico

Gestione della Sepsi in Medicina Interna: verso la definizione di un protocollo terapeutico – A. Mirijello

Il ruolo dell’ecografia point-of-care nella gestione della Sepsi in Medicina Interna – R. Giannuzzi

Gestione della Sepsi in Medicina Interna: la terapia antibiotica – A. Russo


A cura del Presidente e del Segretario-Tesoriere della Sezione

22 maggio 2015
Roma
Focus Giovani Internisti. La Cardiologia Pratica in Medicina Interna

Programma: Scarica il pdf qui

 

27 novembre 2014
Roma
Focus Giovani Internisti. La gestione pratica delle patologie infettive nei reparti di Medicina Interna

Programma: Scarica il pdf qui

 


 

4-5 aprile 2014
Roma
Congresso Regionale

L’obiettivo dell’evento è stato quello di contribuire a migliorare sia le conoscenze sia le competenze professionali per poter gestire gli aspetti diagnostici, terapeutici e a prevenire le complicanze di alcune importanti patologie di interesse internistico. In particolare sono stati trattati aspetti emergenti e le attualità terapeutiche nelle patologie dell’apparato respiratorio, gli aspetti diagnostici e terapeutici dell’artrite reumatoide, le nuove terapie nel declino cognitivo, l’uso e l’abuso di farmaci nel trattamento dell’emicrania.

Una sessione è stata dedicata alle novità in tema di terapia antitrombotica con particolare riferimento alla presentazione delle indicazioni e controindicazioni dei nuovi anticoagulanti orali nella fibrillazione atriale e nella trombosi venosa profonda.

È stato inoltre affrontato un argomento emergente e di grande impatto sociale quale l’incidenza del carcinoma tiroideo nella popolazione femminile. All’interno dell’e vento si è svolto il Convegno del GIS Giovani Internisti SIMI; la sessione è stata dedicata alle indicazioni e agli aspetti pratici della Ventilazione Polmonare.

Il Convegno ha visto la grande partecipazione di studenti, specializzandi, medici di base, medici ospedalieri ed universitari. Programma: Scarica il pdf qui Attività future Ipotesi di FOCUS esclusivamente gestiti dai referenti GIS della Sezione.

Programma: Scarica il pdf qui

 


 

Attività future
Ipotesi di FOCUS esclusivamente gestiti dai referenti GIS della Sezione

Lombardia

 

6 giugno 2018

Milano

VII Corso di aggiornamento SIMI SIMEU

Il consueto evento organizzato dalle sezioni lombarde della Società di Medicina Interna (SIMI) e della Società di Medicina di Emergenza ed Urgenza (SIMEU) come ogni anno prosegue nell’intento di approfondire tematiche comuni all’internista e all’urgentista per costruire percorsi condivisi.

In questo incontro si affronteranno due patologie di frequente riscontro e complessa gestione: le sindromi coronariche acute senza sopraslivellamento del tratto ST e l’insufficienza respiratoria.

Esperti ci guideranno nei diversi momenti diagnostici e terapeutici dalla fase più acuta in pronto soccorso sino alla gestione in reparto.

La medicina moderna pone continuamente nuove sfide da affrontare, l’assistenza sanitaria dell’immigrato rappresenta uno scenario emergente che richiede un confronto continuo tra varie figure professionali.

Non di minore impatto nella pratica clinica è il tema del sovraffollamento, problema che non può essere risolto nel singolo contesto del pronto soccorso, ma che richiede un approccio multidisciplinare e una strategia comune. La lettura magistrale sarà dedicata all’angioedema ereditario, patologia per cui negli ultimi anni ci sono stati grandi progressi terapeutici, in cui, però, il momento cruciale rimane ancora quello della diagnosi che spesso risulta molto tardiva.

Scarica il programma

L’iscrizione è gratuita, saranno accettate le prime 100 iscrizioni inviate via mail a micom@micom.it. Il corso, accreditato per medici di tutte le specialità e per infermieri, riconosce 6 crediti ECM.

 


12 aprile 2018

Milano

Congresso Regionale

Come ogni anno si toccheranno tematiche di interesse trasversali e attuali in medicina. Si darà spazio alla discussione sull’ultima fase della vita dove l’internista è centrale nella gestione clinica e nella comunicazione. Affronteremo l’argomento non solo per gli aspetti clinici ma anche da un punto di vista etico che può stimolare la sensibilità di tutti i partecipanti. Si avrà un aggiornamento sul sovraccarico marziale, tematica di grande interesse per il medico clinico.

Si discuterà della gestione di patologie sempre più complesse e dei nuovi approcci terapeutici, dalle innovazioni nello scompenso cardiaco, alle patologie del sonno. La sessione coordinata dai giovani sarà incentrata sull’interessamento cutaneo di patologie sistemiche e la gestione della trombosi venosa idiopatica. Come ogni anno si svolgerà la premiazione di due lavori scientifici selezionati tra quelli presentati al Congresso Nazionale 2017 dai soci più giovani.

Alberto Benetti
Presidente

Scarica il programma

 


24 febbraio 2018

Milano

Il brunch con l’internista. Emogas: the great unknow

Evento organizzato dal gruppo GIS della Sezione con il sostegno del Consiglio Direttivo regionale. Lo scopo è quello di riunire un momento scientifico ad un incontro informale tra i partecipanti per condividere le proprie esperienze di internisti e discutere di casi clinici reali. In questo incontro affronteremo una delle sfide più complesse in medicina: l’interpretazione dell’emogas. Ci guiderà un esperto accompagnato da 4 giovani che illustreranno dei casi clinici. Dopo le relazioni si terrà un brunch, momento di incontro tra tutti i partecipanti.
Sono disponibili 40 posti. Per iscriversi inviare una mail a gislombardia@gmail.com (specificando nome e cognome, recapito telefonico)

Scarica il programma

Sezione Lombardia

16 novembre 2017

Milano

Focus in Medicina Interna. Diabete

Con la serie di incontri FOCUS IN MEDICINA INTERNA la Sezione Lombardia promuove sul territorio regionale la trattazione di tematiche rilevanti per l’attività clinica quotidiana dell’internista.

Quest’anno si discuterà di una delle sfide più avvincenti della medicina moderna, il diabete, la cui gestione richiede impegno e collaborazione crescenti da parte di tutti i protagonisti del processo di cura.

Esperti presenteranno le evidenze più recenti in materia, valutando l’impatto della patologia nei reparti di Medicina Interna fino agli aspetti pratici in corsia. La recente disponibilità di un maggiore numero di classi terapeutiche, offre l’occasione per un approfondimento su come affrontare in modo efficace e appropriato la terapia ipoglicemizzante. Vi sarà inoltre uno spazio dedicato a due figure essenziali nel management del diabete, l’infermiere, che ci illustrerà i cardini dell’educazione sanitaria e il dietista che presenterà le indicazioni da consegnare al paziente.

Il focus si rivolge a medici chirurghi, infermieri, dietisti e podologi, costituisce pertanto un’opportunità preziosa di aggiornamento su tematiche che caratterizzano e qualificano le diverse figure professionali, per migliorare la conoscenza, la gestione e la terapia della malattia diabetica.

Alberto Benetti

Presidente

Scarica il programma


7 ottobre 2017

Milano

Brunch con l’internista – Sepsi 3.0

Scarica il programma


23 maggio 2017

Milano

Incontri di Medicina Interna

Scarica il programma


11 maggio 2017

Milano

Congresso Regionale

Ho il piacere di annunciare, insieme a tutto il Direttivo e il GIS, l’appuntamento con il  nostro annuale Congresso Regionale, il cui taglio trasversale vuole essere di interesse non solo per lo specialista di Medicina Interna, ma anche per tutti i colleghi che collaborano nell’area medica.

Infatti l’incontro inizierà con un tema sempre scottante nella pratica clinica: il dolore, sia nella forma acuta che cronica. A seguire un confronto su nuove sfide emergenti in Medicina Interna: il sovra-affollamento in area medica con tutti i problemi ad essa correlati e la “transitional care” che affronteremo in campo gastroenterologico.  Nelle due letture della giornata, noti esperti ci illustreranno novità e prospettive future nel campo delle patologie del fegato e dell’ anemia sideropenica.

La consueta sessione coordinata dai GIS verterà su due patologie in cui l’Internista si confronta con altri Specialisti: la miocardite e l’early arthritis. Oltre all’aggiornamento delle attività del gruppo giovani, vi sarà la premiazione di due lavori scientifici selezionati tra quelli presentati al congresso nazionale 2016.

L’appuntamento è per l’11 maggio, presso l’Aula Crociera degli Studi Umanistici, dell’Università degli Studi di Milano. Per le iscrizioni inviare una mail a: cristina.calsamiglia@micom.it

Alberto Benetti
Presidente

Scarica il programma

A cura del Presidente e del Segretario-Tesoriere della Sezione

 

28 aprile 2016
Milano
Congresso Regionale

Il consueto appuntamento annuale organizzato dalla Sezione Lombardia quest’anno ha visto una numerosa partecipazione nella suggestiva cornice dell’Università degli Studi di Milano. I lavori sono iniziati con una sessione sulle novità nella terapia antimicrobica, con particolare attenzione ai setting clinici più complessi; la sessione sulla responsabilità professionale, quest’anno moderata dal Presidente Nazionale Prof. Perticone, ha affrontato due problematiche attuali e sempre più importanti nella pratica clinica: il consenso informato nella demenza ed alterata coscienza e il difficile limite tra terapie eroiche e futili.  Lo spazio pomeridiano coordinato dai giovani soci del gruppo GIS, è stato dedicato alle novità in campo di BPCO. La lettura magistrale, tenuta dal Dott. Antonio Brucato, ha indagato il ruolo dell’internista nelle malattie del pericardio. Inoltre, si è tenuta la presentazione orale e la premiazione dei due abstract selezionati tra quelli presentati da soci under 40 al Congresso Nazionale 2015 e sono stati presentati i premi per i giovani soci GIS per l’anno 2016.

Programma: Scarica il pdf qui

 

6 marzo 2015
Varese
Convegno Regionale SIMI-SIMEU

Il convegno affronta due tematiche di grande rilevanza pratica sia per l’internista che per il medico di pronto soccorso.

L’insufficienza respiratoria acuta e acuta su cronica in quadri di interstiziopatia polmonare è infatti una condizione clinica frequente, di difficile gestione, gravata da elevata mortalità quando presenti importanti comorbidità e/o quando la malattia polmonare di base è a uno stadio molto avanzato.  I vari interventi ne  analizzeranno le possibili molteplici cause, anche iatrogene, per delinearne l’inquadramento diagnostico differenziale e presentarne l’adeguato, specifico approccio terapeutico. Non minore impatto sulla pratica clinica corrente hanno le infezioni, in particolare quelle ospedaliere e da germi resistenti. Di particolare interesse per il medico di pronto soccorso è il paziente immunocompro- messo. Infatti spesso ne è difficile l’inquadramento clinico e terapeutico, soprattutto in quei pazienti che si presentano con quadri clinici stabili ma potenzialmente gravi e a rapida evoluzione se non correttamente diagnosticati e tempestivamente trattati. Infine, verranno trattate anche le infezioni ri-emergenti e le nuove infezioni che il medico di pronto soccorso in prima battuta, ma anche l’internista poi, si trovano a dover fronteggiare.

Programma

 

18 novembre 2014
Brescia

Il Focus in Medicina Interna è un appuntamento annuale della Sezione. Quest’anno l’argomento è relativo a importanti problemi endocrinologici visti dall’internista e trattati da un punto di vista pratico. Gli argomenti sono di interesse per molti operatori sanitari e vanno dalla patologia tiroidea ad alcune patologie di pertinenza surrenalica. I relatori sono stati scelti tra i maggiori esperti di ogni argomento: ciò assicurerà un aggiornamento di notevole qualità come ad esempio per l’approccio internistico e chirurgico del nodulo tiroideo o per l’ipertensione da iperaldosteronismo.

Programma

 


 

 

4 aprile 2014
Milano
Congresso Regionale

Nell’ambito della missione di aggiornamento e formazione propria di SIMI, il convegno affronterà tematiche di rilevante interesse non solo per lo specialista in Medicina Interna e per il Medico di Medicina Generale, ma anche per tutti coloro che siano coinvolti in problematiche cliniche “trasversali”.
Come nelle edizioni precedenti, l’attenzione si focalizzerà su tematiche cliniche e su argomenti correlati alla responsabilità professionale. Una sessione sarà dedicata al ruolo dell’i peruricemia quale fattore di rischio cardiovascolare e renale, oltre che nell’artropatia uratica. La lettura magistrale tratterà del lupus eritematoso sistemico, con specifico riferimento alle innovazioni terapeutiche correlate all’impiego dei farmaci biologici. Un’altra sessione clinica sarà coordinata dai soci più giovani e sarà dedicata agli aspetti epidemiologici, gestionali e terapeutici delle infezioni nosocomiali. In tema di responsabilità professionale verranno discusse, alla luce anche delle attuali norme legislative, l’autonomia decisionale del medico internista nel rapporto con gli altri specialisti e le modalità di una corretta esplicitazione nella documentazione sanitaria delle scelte terapeutiche successive all’iter diagnostico.
Nel corso del Convegno si terrà l’elezione di due membri del Consiglio Direttivo di SIMI Lombardia in sostituzione degli uscenti: il seggio sarà aperto dalle ore 12:00 alle ore 14:00.

Programma: Scarica il pdf qui

 


 

 

7 marzo 2014
Pavia
Convegno Regionale SIMI-SIMEU 2014

Scarica il programma qui

 

Convegno regionale SIMI Lombardia 2013 – Milano
6 aprile 2013

Il Convegno affronterà tematiche di rilevante interesse non solo per lo specialista di Medicina Interna, ma anche per tutti coloro che siano coinvolti in problematiche cliniche “trasversali”.
Quest’anno l’attenzione si focalizzerà sui nuovi anticoagulanti orali, sulla cardiotossicità dei nuovi farmaci antineoplastici, sulla fisiopatologia dell’omeostasi idro-elettrolitica ed acido-base.
Verranno inoltre discussi alcuni temi correlati alla responsabilità professionale dell’internista (linee-guida, la colpa grave in ambito assicurativo).
Una sezione del Convegno, dedicata alle applicazioni della PET in ambito non-oncologico, sarà poi coordinata dai soci più giovani.

Programma: Scarica pdf 

Meccanismo d’azione e farmacologia, Sophie Testa pdf
Terapia del tromboembolismo venoso, Claudio Cimminiello pdf
Profilassi nella fibrillazione atriale, Walter Ageno Scarica pdf
Aspetti gestionali, Sophie Testa pdf

LA RESPONSABILITÀ PROFESSIONALE IN MEDICINA INTERNA
Le linee-guida: un’arma a doppio taglio?, Piero Basilone
L’assicurazione per colpa grave: a che punto siamo?, Anna D’Andrea pdf
La cardiotossicità dei nuovi farmaci in oncologia, Giulia Bacchiani

LA RICERCA INDIPENDENTE SIMI
Lo studio REPOSI e lo studio ARAPACIS, Diana Spinelli
Lo studio PRO-LIVER, Gaetano Bergamaschi

Gli equilibri omeodinamici: dalla fisiopatologia alla pratica clinica, Francesco Sgambato pdf
Indicazioni e vantaggi clinici della PET in ambito non-oncologico, Giuseppe Trifirò, Marco Carletto pdf

 


 

 

Convegno Regionale SIMI-SIMEU – Pavia
8 febbraio 2013

LA SEPSI
Epidemiologia e contesto, Angelo Pan (Cremona) pdf
Riconoscimento precoce della sepsi, Daniele Coen (Milano) pdf
Antibiogramma e laboratorio, Francesco Luzzaro (Lecco) pdf
La terapia antibiotica: approccio empirico e trattamento mirato, Antonello Malfitano (Pavia) pdf
Il Progetto Sepsi in Regione Lombardia, Claudio Arici (Bergamo) pdf 

IL PAZIENTE EMORRAGICO
Il paziente piastrinopenico, Carlo L. Balduini (Pavia) pdf
Il paziente anti coagulato, Nicoletta Erba (Lecco) pdf
Il paziente con coagulazione intravascolare disseminata, Marco Cattaneo (Milano) pdf
Il paziente traumatizzato, Pietro Padalino (Monza) pdf
Il paziente con emorragia gastrointestinale, Paolo Marzollo (Brescia) pdf 

Piemonte Liguria Valle d’Aosta

 

15-16 marzo

Genova

IX Congresso Interregionale

È in via di definizione il programma del prossimo Congresso regionale della nostra Sezione Piemonte-Liguria-Valle d’Aosta. L’edizione del 2019  si svolgerà  a Genova nella splendida cornice del Porto Antico nei giorni 15-16 marzo. Il Congresso tratterà numerosi temi tra quelli di maggiore attualità ed interesse internistico. Tra questi ricordiamo lo scompenso cardiaco, la fibrillazione atriale, l’ipertensione arteriosa e le novità riguardanti la terapia ipoglicemizzante ed ipolipemizzante. Altre sessioni saranno dedicate alla gastroenterologia, alle malattie infettive, all’ematologia, al trattamento di allergie e BPCO ma anche all’utilizzo della diagnostica per immagini in medicina interna. Come sempre sarà dato spazio alla discussione interattiva di casi clinici. Infine una sessione sarà dedicata a tematiche di economia e politica sanitaria, aspetti che si ripercuotono in modo sempre più pressante ed attuale sul lavoro dei clinici.

Per iscriversi al Congresso inviare un’email con i propri dati alla Segreteria Organizzativa Aristea – Elisa Migone (migone@aristea.com).

Come ogni anno Vi aspettiamo numerosi!

Scarica il programma

 

11-13 ottobre 2018

Cuneo

10° Giornate Piemontesi di Medicina Clinica

Scarica il programma


17-19 maggio

Mountain School

Scarica il programma

Scarica le immagini


8 marzo 2018

Rapallo (GE)

Corso teorico-pratico: La lettura critica dell’EGA; uno strumento indispensabile per il clinico

email: migone@aristea.com

Scarica il programma


VIII Congresso Interregionale

È in via di definizione il programma del Congresso regionale della nostra, che si svolgerà a Rapallo nei giorni 9-10 marzo. Il Congresso toccherà temi diversi di interesse internistico, nelle varie sessioni in cui è articolato, e cioè: pneumologica, endocrinologica, gastroenterologica, cardiometabolica, ecografica, terapia anticoagulante. Come lo scorso anno ci sarà anche una sessione infermieristica, tenuta da infermieri che lavorano nelle corsie di Medicina Interna e non solo……Inoltre visto che la tematica coinvolge sempre di più la popolazione abbiamo deciso di affrontare il tema delle malattie tropicali. Interverrà anche il nostro Presidente Nazionale, Prof. Perticone, con una lettura magistrale sull’hospitalist nella realtà sanitaria italiana.
Il Congresso sarà preceduto nella giornata di giovedì 8 marzo da un corso monotematico sulla emogasanalisi, con l’obiettivo di illustrare i quadri basilari emogasanalitici che si possono incontrare sia in una corsia di medicina interna, che in una saletta di pronto soccorso.

Per iscriversi a Congresso e Corso inviare un’email con i propri dati alla Segreteria Organizzativa Aristea – Elisa Migone (migone@aristea.com) specificando nel testo se richiesta iscrizione Congresso, Corso o entrambi. Per i primi 20 iscritti al Corso provenienti da fuori Liguria la Segreteria Scientifica offrirà il pernottamento per la notte di giovedì 8 marzo.

Come ogni anno Vi aspettiamo numerosi!

Il Presidente
Roberto Franceschini

Scarica il programma

 

III Mountain Medical School

18-20 maggio

Camoglieres (CN)

Scarica il programma

Scarica le immagini


 

Sezione Piemonte Liguria Valle d’Aosta

Il Congresso Regionale della nostra Sezione si svolgerà a Rapallo nei giorni 9-10-11 marzo.

Toccherà temi diversi di interesse internistico,  nelle varie sessioni in cui è articolato, e cioè: pneumologica, endocrinologica, infettivologica,  cardio-vascolare e sulla terapia anticoagulante. In particolare, vi sono poi due sessioni  nuove, quella dedicata all’ecografia internistica, e quella dedicata a temi infermieristici, quest’ultima introdotta nel convegno di questo anno, e tenuta da infermieri che lavorano in corsie di Medicina Interna.  Inframezzate alle sessioni, vi sono numerose letture, su temi metabolici, sui nuovi farmaci contro le dislipidemie, sul M. di Cushing. Interverrà anche il nostro Presidente Nazionale, Prof. Perticone, con una lettura magistrale sulla Medicina Translazionale, tema di estrema attualità nella nostra pratica quotidiana.

Il convegno sarà preceduto, come negli anni passati, da un corso su problematiche infettivologiche in Medicina Interna, che si terrà nei giorni 9 e 10 marzo al mattino. Il corso, rivolto a giovani e meno giovani Internisti, anche provenienti da altre regioni, toccherà argomenti, oltre che di antibioticoterapia, di attualità, come la tubercolosi e la vaccinoterapia.

Il GIS è ovviamente presente, con il rappresentante del Piemonte, il Dott. Vitale, che parteciperà attivamente sia come Relatore durante il corso pre-congressuale, sia come Moderatore della sessione infettivologica, durante il convegno stesso.

Il Presidente
Roberto Franceschini

Scarica il programma del congresso

Scarica il programma del corso precongressuale


 

21 gennaio

Cuneo

Infezioni in Medicina Interna tra pressione epidemiologica, scarsità di risorse e nuove prospettive terapeutiche

scarica il pdf ->

 

12 novembre 2016

Rapallo (GE)

Infezioni in Medicina Interna tra pressione epidemiologica, scarsità di risorse e nuove prospettive terapeutiche

scarica il pdf ->


II MOUNTAIN MEDICAL SCHOOL

Perché i medici sbagliano? Perché l’errore in medicina è considerato un taboo? Come creare un sistema in cui sia possibile imparare dagli errori e discuterne senza sensi di colpa?
Argomenti particolarmente importanti in tutti i sistemi sanitari nazionali e recente oggetto di un articolo della prima pagina del British Medical Journal, una delle più prestigiose riviste scientifiche mondiali.

Questi temi sono stati discussi nel corso della seconda edizione della Mountain Medical School, evento rivolto a giovani medici e promosso in collaborazione con le Sezioni regionali della Società Italiana di Medicina Interna e della Società Italiana di Medicina d’Urgenza, svoltosi dal 19 al 21 maggio scorso.

Nella splendida cornice della Locanda del Silenzio di Camoglieres in provincia di Cuneo, si è ragionato di errore medico con particolare attenzione ad ambiti abitualmente poco discussi quali il fine vita, la complessità ed il ragionamento clinico. In un sistema dove le conoscenze raddoppiano ogni due anni ed in cui l’imprevedibilità e la complessità aumentano progressivamente, l’errore medico può diventare più difficile da ridurre.

Le soluzioni non sono il silenzio o la colpevolizzazione di chi sbaglia, ma una cultura medica ridefinita ed improntata sulla discussione e sulla possibilità di imparare dagli sbagli oltre coniugato ad un continuo aggiornamento scientifico e culturale.

Queste sono solo alcune delle conclusioni emerse dal confronto tra i trentacinque giovani medici provenienti dalle varie realtà ospedaliere ed universitarie del Piemonte e della Liguria.
Centrali sono state due letture magistrali tenute rispettivamente dalla dottoressa Elisabetta Castagna di Medici senza Frontiere sulla propria esperienza in Sierra Leone durante l’epidemia di Ebola e dalla Guida Alpina e Tecnico di Soccorso Alpino Sergio Rossi sull’errore come causa di incidente nella pratica dell’alpinismo.

L’evento, non sponsorizzato e completamente indipendente, ha visto la partecipazione del Prof. Massimo Porta, Direttore della Scuola di Specializzazione in Medicina Interna dell’Università di Torino, dei referenti della Società Italiana di Medicina Interna, Prof. Roberto Franceschini di Rapallo e Dott. Luigi Fenoglio Direttore della S. C. di Medicina Interna dell’A. O. Santa Croce e Carle di Cuneo e della Società Italiana di Medicina d’Urgenza, Dott. Franco Aprà.

Scarica le immagini

Puglia e Basilicata

24 novembre 2018

Matera

Corso GIS – Le insufficienze respiratorie in Medicina Interna

Nel paziente ricoverato nei reparti di Medicina Interna sono di comune riscontro alterazioni respiratorie. Con l’invecchiamento della popolazione generale e l’aumento dell’età media dei pazienti ricoverati, tuttavia, la funzionalità respiratoria appare spesso gravemente compromessa. L’approfondimento delle conoscenze di fisiopatogenesi di patologie respiratorie e cardiovascolari ha mostrato come la comparsa di acutiae cardiache comportano sempre un peggioramento del quadro respiratorio. Tutte queste alterazioni presentano una ben documentata connessione con la regolazione dell’equilibrio acido base, presentando un asse di fine regolazione rene-polmone, imprescindibile in una valutazione olistica del paziente.
L’avanzamento della tecnica ha permesso l’accesso da macchine di ventilazione non invasiva (NIV) da parte di un sempre maggior numero di medici, svincolando il loro utilizzo alla presenza di pneumologi o reanimatori. È infatti comunemente riscontrabile nei reparti di medicina la presenza di pazienti che beneficiano dell’utilizzo della NIV. Questo cambiamento di mentalità ha permesso un netto miglioramento della prognosi delle patologie cardio-respiratorie, in quadri clinici di particolare severità che sino a pochi anni fa apparivano irrisolvibili.
La facile accessibilità alla NIV, l’aumentata incidenza di patologie respiratorie e le conseguenti alterazioni dell’equilibrio acido-base, sono al giorno d’oggi, quadri clinici con cui il clinico si confronta quotidianamente. Si avverte pertanto un potenziamento della formazione teorica e pratica su questi quadri clinici per meglio conoscere le opportunità che attualmente sono a disposizione.
Scopo del corso (riservato a 30 partecipanti: 20 medici, 10 infermieri) è pertanto quello di approfondire i quadri clinici respiratori, elettroliti e ionici con cui i pazienti si presentano presso le nostre UO, nonché fornire indicazioni chiare, sia teoriche che pratiche, per affrontare al meglio tali patologie.

Scarica il programma



26 maggio 2018

Ostuni (BR)

NAO: Back to the future

Scarica il programma


24-25 novembre 2017

Martina Franca (TA)

Sezione Puglia Basilicata

Cronicità e complessità. La medicina interna ponte tra ospedale e cure primarie

Saranno trattati gli attuali orientamenti clinici e terapeutici e le linee guida delle patologie più frequenti nelle Strutture Complesse di Medicina Interna . Nel 2020 le malattie croniche rappresenteranno l’80% di tutte le patologie nel mondo. Nel 2016 il Ministero della Salute ha elaborato la bozza del Piano Nazionale delle Cronicità per assicurare la prevenzione ed il trattamento delle patologie croniche indicando i livelli di intervento ospedaliero medico e infermieristico, l’integrazione assistenziale tra ospedale e territorio, l’intervento preventivo sugli stili di vita. La Medicina Interna, unica specialità capace di risposte adeguate e presa in carico della cronicità e complessità clinica e assistenziale, è chiamata ad essere tra i riferimenti del nuovo assetto organizzativo . Le sessioni del congresso affronteranno in particolare alcune delle patologie croniche più frequenti in carico ai reparti di medicina interna, spesso manifeste come multimorbidità: lo scompenso cardiaco cronico, l’insufficienza respiratoria cronica, la cirrosi, ipertensione, ipercolesterolemia, il diabete, la sepsi come complicanza grave delle patologie croniche.

Scarica il programma

Scarica la scheda di iscrizione

Sardegna

 

7 dicembre 2017

Sassari

Congresso regionale della Società Italiana di Medicina Interna
Sezione Sardegna

Il Congresso Regionale propone diverse sessioni. La prima, che coprirà tutta la mattina, è dedicata a SIMI IMAGINE.

Scopo sensibilizzare i discenti sul riconoscimento delle malattie rare, su diagnosi trattamento e gestione del paziente, con attenzione anche alla creazione di reti regionali e nazionali, per favorire conoscenze e comunicazione.

Porremo particolare attenzione alle malattie da accumulo, ad interessamento epatico ed endocrinologico. Si parlerà di malattia di Fabry, Gaucher, HHT teleangiectasia emorragica ereditaria, emofilia congenita ed acquisita, emocromatosi, Wilson, IgG4 related disease e fegato, MEN neoplasie endocrine multiple.

Per coinvolgere i discenti e soprattutto i giovani in maniera interattiva proponiamo la presentazione di poster con discussione di casi clinici durante l’aperitivo, con premiazione finale dei lavori migliori.

Con le sessioni pomeridiane poniamo attenzione alle problematiche di comune riscontro nei nostri reparti ma che spesso pongono il medico in difficoltà. Protagonisti i GIS, approfondiremo queste

tematiche: quando come e perché trasfondere, il paziente con stato edemigeno, e le infezioni nosocomiali.

Per non dimenticare temi di discussione attuali parleremo di vaccinazioni e dell’importanza della prevenzione in medicina interna, data anche la crescente comparsa di multiresistenze con la conseguente difficoltà nella gestione terapeutica.

Altro tema attuale, parleremo del trattamento di vita con riflessione e discussione finale.

Il nostro auspicio è che si realizzino in questo modo: formazione, aggiornamento, riflessione e proposte per tutte le tematiche presentate.

Il Presidente

Maristella Masala

Scarica il programma

Iscrizioni

L’iscrizione è gratuita. Si prega di confermare la propria iscrizione alla Segreteria Organizzativa SIMI Educational inviando la scheda di iscrizione (scarica) all’indirizzo simieducational@simi.it  o via fax al n. 06.44.34.04.74 oppure online www.simi.it/iscrizionecongressosardegna/

Sicilia

 

1-2 dicembre 2017

Cefalù (PA)

VII Congresso

Il VII Congresso Regionale SIMI nasce da un intenso brainstorming in seno al Consiglio Direttivo Regionale, che ha permesso di sviluppare un programma interessante ed articolato, con quattro principali linee di indirizzo: aggiornamento, complessità, collaborazione, quotidianità. Aggiornamento perché riteniamo che la formazione continua sia più che un obbligo normativo, una necessità e un dovere di ogni medico. La mission di una Società Scientifica è proprio quella di promuovere la formazione, garantirne la qualità e ampliarne gli orizzonti. Complessità perché complessa, non solo per il numero di patologie, è la storia clinica dei pazienti che si affidano al medico Internista e anche il Sistema Sanitario nel quale operiamo e dove siamo chiamati ad essere oltre che medici, oculati gestori delle risorse a noi assegnate. Ciò rende indispensabile una approfondita conoscenza delle nuove strategie e opportunità terapeutiche. Collaborazione perché
crediamo fortemente che una buona assistenza sanitaria possa essere garantita solo tramite una costruttiva interazione fra i diversi specialisti e che una valida formazione
nasca dalla cooperazione fra le Società Scientifiche, come palesato nei Simposi Congiunti previsti nel nostro Congresso. Quotidianità perché è dalla pratica di ogni giorno che
nasce il desiderio di apprendere e la stessa deve essere sostenuta da una conoscenza quanto più vasta ed aggiornata possibile.
Ampio spazio è stato riservato agli interventi dei Soci: quest’anno i contributi proposti come casi clinici provenienti dalla real life, costituiscono parte integrante dei simposi,
e consentiranno di stimolare l’aggiornamento partendo dalle esperienze delle diverse realtà della Medicina Interna siciliana.
Focalizzeremo l’attenzione anche sulle malattie rare, coscienti che spesso sono “rare” perché sotto diagnosticate a causa di una non sufficiente conoscenza.
Infine abbiamo deciso di dedicare uno spazio ai temi della migrazione, ritenendo questa una sfida epocale per tutta la comunità, ma ancor di più per chi si ispira al motto “In uno omnia”.

Il budget molto limitato non ci ha impedito di rendere concreta la nostra idea iniziale, realizzando un programma molto ricco di argomenti, presentati da competenti relatori provenienti da tutta la Regione.

Il Presidente
Dott. Rosario Squatrito

Scarica il programma

Toscana - Umbria

 

6 giugno 2018

Firenze

II Workshop Giovani FADOI Toscana – Giovani SIMI Toscana Umbria

La gestione del trauma in Medicina Interna: i giovani incontrano gli esperti

La gestione del paziente traumatizzato prevede nella fase acuta un approccio multispecialistico, che vede nel trauma team la sua maggior espressione (personale di PS, rianimatore, radiologo, chirurgo d’urgenza e specialisti). In caso di grave instabilità del paziente, la collocazione principale resta la gestione in setting di terapia intensiva sub-intensiva, sia in attesa che a seguito di eventuali soluzioni chirurgiche. Tuttavia,

negli ultimi anni si sta assistendo ad un progressivo incremento dei ricoveri di pazienti traumatizzati nei reparti di medicina interna. Le ragioni di tale cambiamento sono molteplici, ma sicuramente  l’invecchiamento della popolazione generale con il relativo incremento del rischio di cadute, l’aumentata prevalenza dei pazienti con comorbilità, così come la maggior suscettibilità allo sviluppo di complicanze “mediche” da parte del paziente traumatizzato, giocano un ruolo di rilievo. È noto infatti che a seguito di un

evento traumatico, il rischio di complicanze infettive, respiratorie, tromboemboliche ed emorragiche risulta essere elevato, per cui, l’internista può essere identificato come una figura di riferimento nella gestione del paziente traumatizzato che non richieda ambiente intensivo.

Se nel passato il paziente traumatizzato trovava la sua collocazione prevalentemente nei reparti chirurgici, ad oggi e sempre più nel futuro, le medicine interne si troveranno coinvolte in tale gestione, per cui risulta importante formare il personale medico impiegato nelle U.O. di Medicina Interna a questa tipologia di pazienti.

Scarica il programma



25-26 maggio 2018

Lido di Camaiore (LU)

Congresso

Scarica il programma

 

16 dicembre 2017

Acquasparta (TR)

Novità nel campo della Medicina Interna  In ricordo del Prof. Giuseppe Schillaci

Nell’ultimo quinquennio, nel settore della Medicina Interna si è assistito all’avvento di nuove tecnologie ed approcci farmacologici per la diagnosi ed il trattamento di malattie ad elevata prevalenza come la fibrillazione atriale, il diabete mellito, la dislipidemia, l’ipertensione arteriosa e lo scompenso cardiaco. Forti del peso di robuste evidenze scientifiche, i nuovi trattamenti disponibili per tali patologie sono destinati a rivoluzionare la pratica clinica. In tale ottica, alle figure professionali del medico internista, del medico di medicina generale e del cardiologo è richiesto un continuo e dettagliato aggiornamento.

Il presente Congresso, che nasce dal desiderio di celebrare la figura del Prof. Giuseppe Schillaci, Medico Internista di chiara fama e stimatissimo Docente in Medicina Interna e Ricercatore presso l’Università di Perugia, costituirà l’occasione per fare il punto della situazione sulle evidenze sperimentali a supporto dell’utilizzo di nuovi farmaci nella pratica clinica. Verrà inoltre proposto un focus-on sull’ipertensione nei suoi principali aspetti che ne caratterizzano la relazione con il rischio cardiovascolare, come il danno d’organo e la presenza di co-morbidità.

In tale ottica verranno ripercorse le principali tappe dello studio PIUMA, uno dei più importanti studi osservazionali nell’ipertensione arteriosa, che ha visto coinvolto il Prof. Schillaci dagli albori della sua carriera scientifica fino al suo acme.

Nelle sessioni conclusive verranno presentati argomenti e scenari clinici di frequente riscontro nella pratica clinica del medico internista, sempre più spesso chiamato a risolvere problemi clinici complessi dati dalla compresenza di molteplici co-morbidità ed interazioni farmacologiche.

Scarica il programma


13 giugno 2017

Firenze

I° Workshop L’internista cerca risposte: come muoversi tra sedativi e analgesici nel paziente internistico

Scarica il programma http://ecm.mcrconference.it/node/6256

Triveneto

 

21 settembre

Trieste

Il Convegno rappresenta l’incontro annuale della Sezione Triveneta della Società Italiana di Medicina Interna, la più antica società medica del nostro Paese fondata nel 1887.
In tale contesto saranno affrontati alcuni tra i principali temi di attualità nell’ambito della Medicina Interna e delle discipline affini, tra cui in particolare: • Sostenibilità del servizio sanitario, integrazione ospedale-territorio e responsabilità professionale dell’internista • La medicina di precisione in ambito metabolico, cardiovascolare e nella gestione delle malattie ereditarie rare • Le innovazioni terapeutiche nella gestione dello scompenso cardiaco e dell’asma grave • Il tromboembolismo nella popolazione generale e nei pazienti oncologici • Il controllo metabolico nel diabete di tipo II ed in corso di sepsi • Epigenetica e nutrizione.
Ogni sessione sarà introdotta come consuetudine dalla discussione di casi clinici presentati dai giovani internisti (GIS), che cureranno anche l’aggiornamento sulle attività di ricerca della SIMI.

Costituirà parte integrante del convegno un corso sull’utilizzo e la validità del “simulatore” nella didattica avanzata, incentrato su diagnosi differenziale e gestione terapeutica dello shock. Il corso, riservato a 30 giovani specialisti/specializzandi in Medicina Interna e in Medicina d’Urgenza ed Emergenza iscritti alla SIMI, si svolgerà – sempre a Trieste – il pomeriggio del 20 settembre.

Programma e iscrizioni: http://www.eolocongressi.it/eventi/2018/20180921-attualita-in-medicina-interna

 

8 giugno Corso GIS Aula C Lente Didattica Policlinico G.B. Rossi

9 giugno Congresso Regionale Auditorium Domus Mercatorum, Camera di Commercio

Verona

Il Convegno rappresenta l’incontro annuale della Sezione per il 2017.  In tale contesto saranno affrontati alcuni tra i principali temi di attualità nell’ambito della Medicina Interna e di discipline affini quali Ematologia, Cardiologia, Reumatologia.

Nel corso del Convegno verranno esaminati differenti argomenti di attualità inerenti l’assistenza, la didattica e la ricerca in Medicina interna, con particolare riferimento a:

  • La valorizzazione dell’“Hospitalist”, internista con particolare attitudine alla collaborazione con le specialità chirurgiche, nell’organizzazione dell’assistenza ospedaliera.
  • Nuovi target terapeutici nelle malattie cardiovascolari, anche in riferimento alle più recenti scoperte derivanti dallo studio del genoma.
  • La gestione delle malattie rare nell’ambito della riforma dei LEA.
  • Patologie rare di competenza internistica, con focus sul delicato periodo di transizione dall’età pediatrico-adolescenziale a quella adulta.
  • Le malattie dell’osso, di grande impatto clinico sociale

Ogni sessione sarà introdotta come nostra consuetudine dalla discussione di casi clinici presentati dai GIS, che cureranno anche l’aggiornamento sulle attività di ricerca della SIMI.

Costituirà parte integrante del Convegno un corso sulla gestione pratica dei disordini acuti della crasi ematica, riservato a 30 giovani internisti e che si svolgerà – sempre a Verona – il pomeriggio dell’8 giugno.

Il Presidente
Mauro Cancian

Scarica il programma

 

Venerdì 24 giugno 2016 si svolgerà a Udine il Convegno annuale della Sezione, che affronterà come di consueto tematiche di politica sanitaria, di estione clinica del paziente e di attualità scientifica.

La tavola rotonda di apertura sarà incentrata sul sovraffollamento in Pronto Soccorso e sulle ricadute assistenziali in Medicina Interna e Geriatria, mentre le sessioni successive riguarderanno la malattia cardiometabolica, la medicina dei migranti, il trattamento del dolore e, a cura dei giovani internisti, la sepsi e la ricerca SIMI.

Come parte integrante del Convegno, giovedì 23 giugno si terrà sempre ad Udine un corso teorico-pratico promosso dai GIS sull’insufficienza respiratoria acuta non cardiogena.

Il Vice Presidente
Mauro Cancian

Scarica il programma

 

A cura del Presidente e del Segretario-Tesoriere della Sezione

Venerdì 27 novembre 2015 si svolgerà a Treviso il Convegno annuale della Sezione Triveneta.

Il Congresso sarà aperto come di consuetudine da una tavola rotonda inerente una tematica di ampio respiro, che quest’anno è rappresentata dalle professioni sanitarie in Medicina Interna. Interverranno esponenti di rilievo del mondo accademico, assistenziale e del management sanitario.

Saranno quindi affrontati argomenti di particolare interesse internistico, in distinte sessioni introdotte da un caso clinico presentato e discusso da un giovane internista. Tale modalità ribadisce l’importanza attribuita dalla SIMI nazionale e triveneta al contributo dei GIS, che cureranno nel corso della giornata anche le comunicazioni in merito ai progetti di ricerca SIMI.

Ampio spazio all’aggiornamento dei colleghi in formazione o specializzatisi di recente sarà dedicato anche in una iniziativa collaterale, incentrata sulla gestione dello scompenso cardiaco, riservata ai GIS e che si terrà il giorno precedente, giovedì 26 novembre, sempre presso l’Azienda Ospedaliera di Treviso.

Il Segretario
Mauro Cancian
mcancian@unipd.com

Scarica i programmi