La cronicità: verso una gestione integrata ospedale-territorio

Le malattie croniche rappresentano il principale problema di salute pubblica nei Paesi occidentali, oltre a minare a fondo la sostenibilità dei sistemi sanitari. Queste patologie sono responsabili del

92% di tutte le morti nel nostro Paese. Il miglioramento delle cure, combinato al crescente invecchiamento della popolazione, pone notevoli pressioni gestionali ed economiche sui Sistemi Sanitari Nazionali. In particolare, la crescente prevalenza di pazienti con più patologie – un terzo della popolazione adulta e oltre due terzi della popolazione anziana – pone molteplici sfide, fra cui la definizione di linee guida di trattamento per questi pazienti, oltre all’individuazione di parametri di esito che tengano conto della complessità clinica. La realizzazione di un modello di assistenza sanitaria che possa prendere in carico in modo sostenibile i pazienti con patologie croniche richiede una nuova definizione dei modelli gestionali.

Lo scopo del convegno è di favorire la discussione e condivisione di queste tematiche da parte degli internisti, i professionisti maggiormente coinvolti nella gestione della cronicità sia all’interno degli ospedali che sul territorio. Nel convegno saranno coinvolte diverse figure professionali (internisti universitari, ospedalieri, medici di medicina generale ed infermieri). Saranno presentate da autorevoli figure istituzionali della Regione Emilia Romagna le strategie e i percorsi di gestione della cronicità, saranno inoltre condivise iniziali esperienze di integrazione ospedale-territorio così come studi e progetti formativi nelle Cure Primarie.

Sessioni specifiche saranno dedicate alla presentazione di percorsi gestionali diagnostico-terapeutici delle malattie croniche più prevalenti, diabete, BPCO, ipertensione, scompenso cardiaco, ipotiroidismo, rischio tromboembolico ed altre.

La “complessità in medicina interna” considererà inoltre l’insieme di queste diverse condizioni morbose non solo in quanto compresenti, ma nella loro interazione multidimensionale. Autorevoli rappresentati delle società scientifiche nazionali di Medicina Interna discuteranno il ruolo dei professionisti universitari ed ospedalieri e dei medici di Medicina Generale nella gestione della complessità. Una intera sessione sarà dedicata alle cure palliative e alla gestione del paziente internistico multipatologico nel fine vita. Particolare attenzione sarà rivolta alla discussione interattiva di casi clinici complessi presentati da giovani internisti. Infine, letture magistrali da parte di studiosi di fama saranno dedicate all’aggiornamento di  patologie ad elevato impatto clinico-epidemiologico e di rilevante interesse internistico.

Scarica il programma ->

Iscrizioni:

Online http://www.simi.it/incontrimodenesi-iscrizione/

In alternativa scarica la scheda IncontriModenesi2017SchedaIscrizione.pdf

La cronicità: verso una gestione integrata ospedale-territorio

Le malattie croniche e la crescente prevalenza di pazienti multipatologici rappresentano il principale problema di salute pubblica nei Paesi occidentali. In Italia, il 92% delle cause di morte è riconducibile alle malattie croniche. La realizzazione di un modello di assistenza sanitaria che prenda in carico in modo sostenibile i pazienti con patologie croniche richiede una nuova definizione di modelli gestionali, sia ospedalieri che territoriali.

In questo contesto è cruciale la condivisione da parte dei professionisti di linee guida e percorsi diagnostico-terapeutici, oltre all’individuazione di parametri di esito che tengano conto della complessità clinica.

Lo scopo del convegno è di discutere queste tematiche favorendo l’incontro dei medici internisti, i professionisti in prima linea nella gestione della cronicità sia all’interno degli ospedali che nel territorio.

Saranno presentati le strategie e i percorsi Regionali di gestione della cronicità, saranno condivise esperienze di integrazione ospedale-territorio così come studi e progetti nelle Cure Primarie.

Sessioni specifiche tratteranno percorsi diagnostico-terapeutici delle malattie croniche più prevalenti, diabete, BPCO, ipertensione, scompenso cardiaco. Particolare attenzione sarà rivolta alla discussione interattiva di casi clinici complessi da parte di giovani internisti.

Infine, letture magistrali da parte di studiosi di fama saranno dedicate all’aggiornamento di patologie ad elevato impatto clinico-epidemiologico e di rilevante interesse internistico.